Wednesday, December 19, 2018
  • Wednesday, December 19, 2018
  • webmail

Al Copernico un workshop sui percorsi di Alternanza

By Marina Landolfi on 10 novembre 2018
0 113 Views

Il 14 novembre 2018, presso l’Aula Magna dell’I.I.S. ‘Via Copernico’ di Pomezia, si svolgerà il workshop ‘Prospettive e sviluppo per il futuro: percorsi di alternanza’ organizzato dallo stesso Istituto scolastico per promuovere le attività di alternanza scuola lavoro, consolidare i rapporti di collaborazione con le aziende già conosciute o per iniziare nuove partnership, e offrire agli studenti valide opportunità formative.

All’incontro, introdotto dal Dirigente scolastico  prof.ssa Tiziana Ucchino, interverranno diverse figure professionali del mondo del lavoro e della formazione: Roberto Tropea (Lazio Anpal Servizi), Maria Rosa Fiore (Responsabile del Centro per l’impiego di Pomezia ed Anzio), Paola Scamardi (Responsabile Ufficio progettazione e coordinamento corsi Formacamera) e Teresa Marino (Funzionario responsabile dell’Ufficio tributi del Comune di Pomezia) che approfondiranno varie tematiche, tra cui il rapporto dell’alternanza scuola lavoro nel Lazio, gli sgravi contributivi per le aziende che ospitano i percorsi formativi e le modalità di svolgimento dei progetti di tirocinio.

“L’incontro nasce dalla consapevolezza che sia compito della scuola creare le condizioni affinché agli allievi vengano offerte le migliori opportunità formative per la loro crescita scolastica e personale’ afferma la prof.ssa Maria Elena Pezone, vice preside dell’IIS ‘Via Copernico’. ‘Il nostro Istituto intende contribuire a creare sinergie efficaci tra scuola, aziende ed istituzioni locali, rendendo partecipi anche le famiglie”.

L’invito alla partecipazione è esteso a chiunque sia interessato alla tematica dell’Alternanza scuola lavoro e alle prospettive per il futuro.

Marina Landolfi

Sociologa e formatrice, romana, ma da tanti anni a Pomezia, mi occupo di comunicazione e scienze sociali soprattutto su tematiche inerenti l’infanzia, l’adolescenza e le questioni di genere.

Rispondi