Monday, March 1, 2021

Banchieri – Federico Rampini

image_pdfimage_print

Federico Rampini è forse uno dei giornalisti italiani con la maggiore esperienza in paesi esteri. Editorialista de La Repubblica, già Vicedirettore de Il Sole24ore, ha passato gran parte della sua carriera professionale in giro per il mondo, ma sono le sue corrispondenze dagli Stati Uniti d’America e dall’Asia, in particolare dalla Cina, che lo hanno reso noto ai lettori. La sua notorietà è cresciuta notevolmente nel 2007 con la pubblicazione del libro L’Impero di Cindia, a mio avviso, una delle narrazioni dei nuovi giganti del futuro, Cina e India, più complete e avvincenti che abbia mai letto. Attualmente Rampini vive a New York, da lì scrive l’interessantissimo blog Estremo Occidente, analisi sintetica ma punturale dell’America delle opportunità, dei cambiamenti repentini ma anche quella delle contraddizioni e delle ingiustizie sociali. Per chi volesse dare un’occhiata, questo è il link  http://rampini.blogautore.repubblica.it.

L’ultima fatica letteraria di Federico Rampini, uscito in libreria in questo ultimo mese, è Banchieri, edito da Mondadori, 180 pagine, prezzo consigliato 16,50 euro. Come si intuisce dalla copertina, il sottotitolo non lascia dubbi: “Storie dal nuovo banditismo globale”, quest’opera è una sorta di invettiva nei confronti dei grandi banchieri americani, ma direi anche europei, che secondo l’autore sono i veri responsabili della crisi iniziata nel 2008. Una crisi superata negli Stati Uniti, solo nelle statistiche, ma che ancora oggi lascia una scia di disagio sociale, di nuove e vecchie povertà ma principalmente di prospettive di nuovo sviluppo economico, compromesse per molto tempo. L’autore quindi, non si sottrae dal manifestare chiaramente le sue opinioni. Le sue tesi, corrette, o errate che siano, sono ben in vista. Comunque il nostro autore, non si lascia mai tentare dalla denuncia sterile, in ogni suo libro, si trovano sempre suggerimenti sull’iniziative da prendere per cercare di migliorare la situazione economica e politica. Inoltre la scelta di raccontare storie veramente accadute, testimonianze attuali rende la narrazione sempre ancorata alla realtà, tante volte i discorsi troppo astratti rischiano di allontanare la gente pratica dalla lettura. Chi legge Rampini sui giornali sa che l’astrattismo è un’accusa che non gli può essere mossa, tante volte per trasmettere il senso di quotidianità di certi problemi, racconta esperienze personali, vissute cioè in prima persona dal cittadino Federico e dalla sua famiglia.

Tornando a Banchieri, la parte che secondo me va letta con molta attenzione è la quarta, intitolata il Danno Sociale. Forse il fatto che io sia politicizzato mi rende sensibile al racconto dei mutamenti degli stili di vita delle vittime della crisi, ma vi assicuro che colpirà anche voi, anche perchè nessuno dei cittadini comuni può considerarsi al sicuro da fenomeni di questo tipo. La scrittura di Rampini è sempre semplice e scorrevole, anche la struttura del libro ed in particolare delle pagine, rende la lettura piacevole. Capitoli brevi, dimensione del carattere e una abbondante interlinea possono essere un buon incentivo a leggerlo la sera prima di andare a dormire o durante la giornata in un attimo di riposo.

BIBLIOGRAFIA DI FEDERICO RAMPINI tratta da http://it.wikipedia.org/wiki/Federico_Rampini

  • “La comunicazione aziendale. All’interno dell’impresa, nel contesto sociale, nel quadro europeo“, Milano, ETAS libri, 1990. ISBN 88-453-0404-3
  • “Il crack delle nostre pensioni“, Milano, Rizzoli, 1994. ISBN 88-17-84362-8
  • “Imprenditori italiani nel mondo. Ieri e oggi“, con Duccio Bigazzi (a cura di), Milano, Libri Scheiwiller, 1996. ISBN 88-7644-241-3
  • “Germanizzazione. Come cambierà l’Italia“, Roma, Laterza, 1996. ISBN 88-420-4909-3
  • “Kosovo. Gli italiani e la guerra“, intervista a Massimo D’Alema, Milano, Mondadori, 1999ISBN 88-04-47302-9
  • “Per adesso. Intervista con Carlo de Benedetti“, Milano, Longanesi, 1999. ISBN 88-304-1473-5
  • “New economy. Una rivoluzione in corso“, Roma, Laterza, 2000. ISBN 88-420-6110-7
  • “Dall’euforia al crollo. La seconda vita della new economy“, Roma, Laterza, 2001. ISBN 88-420-6821-7
  • “Effetto euro“, Milano, Longanesi, 2002. ISBN 88-304-1934-6
  • “Le paure dell’America“, Milano, Longanesi, 2003. ISBN 88-420-7167-6
  • “San Francisco-Milano“, Roma, Laterza, Laterza 2004. ISBN 88-420-7441-1
  • “Tutti gli uomini del presidente. George W. Bush e la nuova destra americana“, Roma, Carocci, 2004. ISBN 88-430-3013-2
  • Il secolo cinese. Storie di uomini, città e denaro dalla fabbrica del mondo“, Milano, Mondadori, 2005. ISBN 88-04-54482-1
  • “L’impero di Cindia. Cina, India e dintorni: la superpotenza asiatica da tre miliardi e mezzo di persone“, Milano, Mondadori, 2006. ISBN 88-04-55130-5
  • “L’ombra di Mao. Sulle tracce del grande timoniere per capire il presente di Cina, Tibet, Corea del Nord e il futuro del mondo“, Milano, Mondadori, 2006. ISBN 88-04-56048-7
  • “La speranza indiana. Storie di uomini, città e denaro dalla più grande democrazia del mondo“, Milano, Mondadori 2007. ISBN 88-04-57298-1
  • “Centomila punture di spillo. Come l’Italia può tornare a correre“, con Carlo De Benedetti e Francesco Daveri, Milano, Mondadori 2008. ISBN 88-04-58366-5
  • “Con gli occhi dell’Oriente“, Milano, A. Mondadori scuola, 2009.
  • “Le dieci cose che non saranno più le stesse. Tutto quello che la crisi sta cambiando“, Roma, Gruppo editoriale L’Espresso, 2009.
  • “Slow Economy. Rinascere con saggezza. Tutto quello che noi occidentali possiamo imparare dall’Oriente“, Milano, Mondadori 2009. ISBN 978-88-04-59368-3
  • “Occidente estremo. Il nostro futuro tra l’ascesa dell’impero cinese e il declino della potenza americana“, Milano, Mondadori 2010. ISBN 978-88-04-60333-7 [1]
  • “San Francisco-Milano. Un italiano nell’altra America”, Laterza, 2011. ISBN 978-88-420-9517-0
  • “Alla mia sinistra”, Mondadori, 2011 ISBN 978-88-04-61372-5
  • “Non ci possiamo più permettere uno Stato sociale”. Falso!coll. IdòlaLaterza, 2012 ISBN 978-88-420-9502-6
  • “Voi avete gli orologi, noi abbiamo il tempo. Manifesto generazionale per non rinunciare al futuro”, Mondadori, 2012 ISBN 978-88-04-62518-6
  • “Banchieri. Storie dal nuovo banditismo globale” Mondadori, 2013 ISBN 978-88-04-63350-1

Rispondi