Monday, February 6, 2023

San Benedetto in Piscinula

image_pdfimage_print

 

Un minuscolo angolo di fede medievale a Roma

 

 

Lasciamoci stupire da un luogo davvero inaspettato, tanto piccolo quanto denso di memoria!

A Roma si trovano chiese di ogni formato.

Prevalgono, nella memoria dei turisti e dei romani più frettolosi, le chiese più grandi, quelle che fanno colpo.

Le prime a fare colpo sono le famose Sette Chiese, che compongono un famoso itinerario spirituale e devozionale.

Parliamo delle quattro basiliche maggiori (San Pietro, Santa Maria Maggiore, San Giovanni e San Paolo Fuori le Mura) e delle tre basiliche minori (San Sebastiano sulla via Appia, Santa Croce in Gerusalemme e San Lorenzo Fuori le Mura).

 

A fronte di queste e di numerosissime altre chiese grandiose e ricche di opere d’arte, esistono a Roma molti piccoli angoli di culto quasi nascosti che, una volta trovati, ti accolgono dandoti la sensazione di essere una tua personale conquista.

 

Questo è il caso della minuscola chiesa di San Benedetto in Piscinula.

 

San Benedetto in Piscinula, interno. Foto da AraldidelVangelo

 

 

La chiesa si trova in Trastevere ed è un vero gioiellino.

Come trovarla?

Appena attraversata l’Isola Tiberina, si supera il Ponte Cestio e si raggiunge il Lungotevere.

Di fronte, tra le automobili, occhieggia già un’affascinante prospettiva medievale, che si apre in una piazzetta: piazza in Piscinula.

La piazza, come la chiesa, si chiama così per richiamare un’antica memoria non certissima, forse legata alla presenza, in quest’area, dei ruderi di piscine termali romane.

In un angolo della piazza, la chiesetta si presenta con una modesta facciata neoclassica, ma all’interno ha conservato il suo aspetto romanico e tutta la stupefacente atmosfera di un piccolo oratorio medievale.

La facciata della chiesa romanica fu sostituita prima da una facciata seicentesca e poi da questa neoclassica nel 1844 ad opera della famiglia Massimo e su progetto di Pietro Camporese il Giovane.

In origine doveva esserci qui il nartece, ossia il tipico portico a colonne della chiesa romanica.

Questo angolo di Roma ci riporta alla memoria la storia di San Benedetto da Norcia, fratello di Santa Scolastica.

Egli era nato a Norcia da una nobile famiglia di origine romana, appartenente alla antica gens Anicia, intorno al 480, subito dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente.

Suo padre, Eutropio, ricopriva la carica di Console e Capitano Generale dei Romani nella regione di Norcia, mentre la madre era Abbondanza Claudia de’ Reguardati di Norcia.

Date le nobili origini, Benedetto venne mandato a studiare a Roma, all’età di dodici anni, avviandosi agli studi letterari e giuridici, accompagnato dalla nutrice Cirilla, cui era stato affidato dopo la morte della madre, con la sorella Scolastica

L’esperienza romana fu breve.

 

La città gli appariva corrotta e dissoluta

 

Quindi a diciassette anni se ne andò per rifugiarsi in un territorio della valle dell’Aniene, oggi corrispondente ad Affile.

Di qui in avanti si aprì la sua vicenda gigantesca di monaco santo che lo portò a compiere miracoli, a elaborare la regola monastica benedettina, a fondare monasteri.

Ma tornando agli anni romani, sappiamo che Benedetto abitò probabilmente nella domus Aniciorum, proprietà del padre, in Trastevere.

Sappiamo che la sua giovane fede lo portava a cercare luoghi di preghiera solitari.

Proprio dove ora è la chiesetta di San Benedetto in Piscinula, c’era una piccola cella dove Benedetto si rifugiava in preghiera.

 

Ebbene, la Cella Benedicti c’è ancora ed è conservata presso la chiesa.

Si tratta di un luogo minuscolo e molto stretto cui si accede attraverso un portale cosmatesco.

L’origine della chiesa di San Benedetto in Piscinula è strettamente legata a questa cella.

 

Cella di San Benedetto. Foto da Miaroma.it

 

Nel secolo VIII, accanto a questo santo luogo dove il giovane Benedetto pregava, fu costruito un oratorio.

Nel 1084 l’oratorio subì, come tutta Roma, il saccheggio di Roberto il Guiscardo e poi nel 1192 venne costruita la chiesa romanica, dapprima dedicata alla Madonna e in seguito intitolata a San Benedetto.

Dunque, ecco a Roma una memoria importante e semisconosciuta del passaggio di questo santo tanto antico e tanto importante.

Non si può perdere l’occasione di entrare, come piccoli conquistatori, in questo minuscolo scrigno sospeso nel tempo.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *