Saturday, September 18, 2021
  • Saturday, September 18, 2021
  • webmail

LE SANTE DELLO SCANDALO di Erri De Luca

By Silvia De Felice on 10 Settembre 2021
0 108 Views

LE SANTE DELLO SCANDALO di Erri De Luca

image_pdfimage_print

LE SANTE DELLO SCANDALO

di Erri De Luca

Ed. Giuntina

 

 

Quando si pronuncia la parola santo o santa, abbiamo davanti agli occhi figure eteree con colori tenui e quella splendente luce intorno alla testa comunemente chiamata aureola.

Ci prefiguriamo esseri immacolati e puri, pazienti, al limite un po’ noiosi, con dei pregi al di fuori della norma, lontani anni luce da noi comuni mortali.

Le sante dello scandalo che ci presenta Erri De Luca sono tutt’altro, sono donne vere, dai contorni decisi, donne eccezionali con vite da combattenti.

Se pensiamo poi, che queste a noi raccontate, sono storie di donne ebraiche, le 60 pagine che abbiamo davanti aumentano di peso a livello esponenziale.

Donna o ancor meglio femmina, in ebraico vuol dire incisione, fessura, da dove esce la vita; questo è il suo unico, esclusivo dovere.

Le  cinque sante di De Luca, sono invece, molto di più…

 

La prima si vestì da prostituta per offrirsi all’uomo desiderato.

La seconda era prostituta di mestiere e tradì il suo popolo.

La terza si infilò di notte sotto le coperte di un ricco vedovo e si fece sposare.

La quarta fu adultera, tradì il marito che venne fatto uccidere dal suo amante.

L’ultima restò incinta prima delle nozze e il figlio non era dello sposo.

 

Erri De Luca ha una scrittura liscia ma profonda, ci avvicina a chi ora è santo ma in vita non lo era, crea esseri veri e vivi. Rende omaggio a cinque donne coraggiose, in modo umile e ammirato.

Sono donne che fanno parte della  storia, che hanno fatto la storia; con le loro vite inevitabilmente dedicate ad un uomo, ci insegnano che l’asservimento non è indispensabile per una moglie, un’ amante, una compagna.

Tamàr, Rahav, Rut, Betsabea, Miriam in poche pagine ci liberano dai preconcetti e dai pregiudizi, vanno contro le regole e sacrificano la loro eccezione.

Credo che questi cinque brevi racconti di vita abbiano un solo difetto: finiscono troppo presto, dopo aver chiuso questo libricino tra le mani, di sicuro rimaniamo con il desiderio non esaudito completamente, di volerne sapere di più.

Ma questo in effetti non è un romanzo, è una raccolta di racconti e la caratteristica dei racconti è proprio che alla fine ci chiediamo: “Dopo cosa succederà?”

 

 

SINOSSI

 

Quasi impossibile riassumere ciò che è già essenziale di suo.

Vi lascio alle parole dell’autore:

 

“Cinque donne stanno nell’elenco maschile delle generazioni tra Abramo e Ieshu.

Cinque casi unici forzano la legge, confondono gli uomini e impongono eccezioni.

Le donne qui fanno saltare il banco, riempite di grazia che in loro diventa forza di combattimento”.

Erri De Luca

Rispondi