Sunday, December 16, 2018

Partono i lavori di messa in sicurezza del sito Eco-X

By massimiliano villani on 15 settembre 2018
0 172 Views

Era il 5 maggio 2017 quando la nostra Città si ritrovò a fronteggiare l’incubo di imminente inquinamento ambientale, a causa del rogo in cui fu avvolto lo stabilimento Eco-X.

A distanza di più di un anno, oggi una buona notizia.

L’area, dissequestrata temporaneamente dalla Procura della Repubblica proprio ieri, sarà consegnata alla ditta esecutrice dei lavori che si è aggiudicata la gara pubblica terminata lo scorso luglio: partiranno, quindi, lunedì 17 settembre 2018 i lavori di messa in sicurezza del sito.

Questi lavori, così come fu deciso nella Conferenza di Servizi di novembre 2017 indetta dallo stesso comune di Pomezia, consisteranno nell’incapsulamento dei materiali e nella copertura dei cumuli di rifiuti onde evitare il dilavamento degli stessi e la dispersione delle acque di dilavamento nel corpo idrico superficiale.

Entra nel dettaglio il Sindaco Adriano Zuccalà: “L’intervento prevede una prima fase di ricognizione dello stato dei luoghi, al fine di definire gli impianti di cantiere più idonei e di predisporre, con carattere di urgenza, un piano di lavoro da presentare alla ASL competente”.

Le attività di messa in sicurezza, che dureranno 60 giorni, costeranno circa 185 mila euro, finanziati con fondi comunali da recuperare in danno alla ditta, ma ” l’Amministrazione – continua Zuccalà – sta continuando a lavorare affinché si riescano a reperire in fretta fondi regionali o statali per la completa bonifica dell’area”.

Il disastro della Eco-X approderà poi nelle aule di giustizia.

La Procura della Repubblica di Velletri, infatti, ha chiesto recentemente un processo per l’amministratore unico della Eco Servizi per l’Ambiente, la società che gestiva il sito: a decidere, il prossimo 4 dicembre, sarà il giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Velletri e il Ministero dell’Ambiente, la Regione Lazio, e il comune di Pomezia dovranno decidere se costituirsi parte civile per richiedere i danni.

Le indagini che sono state fatte nel corso di questi mesi hanno ipotizzato l’inquinamento ambientale colposo e l’incendio colposo, anche se sembra che il terribile rogo non abbia causato danni particolari: fortunatamente lunedì partiranno i lavori di messa in sicurezza che faranno sì che quello che rimane nel sito, in termini di rifiuti, non vada ad incidere negativamente su aria, acqua e suolo.

Sul sito istituzionale del comune di Pomezia tutte le informazioni sulla vicenda Eco-X

 

 

massimiliano villani

Nato a Napoli, cresciuto a Roma e residente a Pomezia ormai da più di dieci anni, mi occupo da sempre di comunicazione e sono convinto che l'impegno civico, unito all'amore per il proprio territorio, possa essere un grande stimolo alla crescita di una collettività partecipe e consapevole

Rispondi