Pomezianews / INCENDIO A POMEZIA: NESSUNA PRESENZA SIGNIFICATIVA DI FIBRE DI AMIANTO NELL'ARIA - Pomezianews

INCENDIO A POMEZIA: NESSUNA PRESENZA SIGNIFICATIVA DI FIBRE DI AMIANTO NELL’ARIA



 Sono stati eseguiti degli accertamenti con le microfotografie che non hanno rilevato una presenza significativa di fibre di amianto nell’aria nei pressi dello stabilimento. Seguiranno altri monitoraggi

10/05/2017 – Il Centro di riferimento Regionale Amianto (Crra) ha comunicato alla Asl Rm6 i dati relativi agli accertamenti sulla possibile aero dispersione di fibre di amianto, a causa del danneggiamento per incendio delle coperture in cemento-amianto dei capannoni dell’azienda Eco X di Pomezia.

Non si registra una significativa dispersione di fibre di amianto nei pressi dello stabilimento. Secondo quanto emerge dagli accertamenti con le microfotografie, il particolato raccolto mostra l’assenza di fibra di amianto, ma una prevalenza di materiale organico, di micro particelle inorganiche e rare fibre vetrose artificiali.

Rimozione in sicurezza dei materiali e bonifica del sito. Questo è quanto è stato richiesto dalla Asl RM 6 al sindaco di Pomezia, a tutela della salute pubblica, nel rispetto della normativa vigente e  previa autorizzazione della Procura della Repubblica di Velletri.

Monitoraggio continuo nei prossimi giorni e verranno al più presto resi noti ulteriori risultati.



'INCENDIO A POMEZIA: NESSUNA PRESENZA SIGNIFICATIVA DI FIBRE DI AMIANTO NELL’ARIA' ha 3 commenti

  1. 10 maggio 2017 @ 17:29 Di Gi

    Finalmente una buona notizia!!!

    Reply

  2. 13 maggio 2017 @ 12:05 Melissa

    Sembra una buona notizia, ma l’amianto é nei resti del capannone della Eco x andato a fuoco, se non verrà fatta una bonifica alla svelta e a regola d’arte saremo di nuovo nell’incertezza c’è o non c’è? Dove sarà finito?

    Reply

  3. 28 maggio 2017 @ 01:28 Gaetano Mangano

    Con la microfotografia e’ alquanto improbabile che si possano trovare tracce di amianto..probabilmente l’arpa, essendo un’agenzia regionale, ha interesse a tutelare l’ente che ha impropriamente rilasciato le autorizzazioni alla eco x

    Reply


Vuoi dirci il tuo pensiero?

Il tuo account id posta non verrà pubblicato.

Powered BY LBIT soluzioni informatiche | Hosting 3LOAD.com